Incantesimo Blu

   Allevamento Sacro di birmania

Standard del sacro di birmania

Lo Standard di razza è la descrizione delle caratteristiche fisiche, che un rappresentante "ideale" di una determinata razza deve avere.

Lo standard del sacro di birmania è particolarmente accurato e dettagliato, per questo motivo è molto importante effettuare un buon lavoro di selezione, tenendo sempre presente che il gatto perfetto non esiste.

Vediamo quindi nel dettaglio le caratteristiche del sacro di birmania.

ASPETTO GENERALE

Taglia

Il birmano è un gatto di taglia media. Le femmine si aggirano attorno ai 3-4 kg, mentre i maschi sono leggermente più grossì, circa 5-6 kg

Testa

La testa deve avere un'ossatura forta, con la fronte leggermente arrotondata, detta bombatura, e le guance piene che gli conferinscono un aspetto rotondo. Il naso deve essere di media lunghezza, senza interruzioni (‘stop’), ma con una leggera incurvatura (‘indentazione'’). Il mento deve essere forte. Le orecchie devono essere abbastanza piccole, con le punte arrotondate, piazzate ben distanti fra loro e appena inclinate ai lati della testa. Gli occhi devono essere di forma leggermente ovale, e devono essere di colore blu, il più scuro possibile.

Corpo

I sacri di birmania devono avere un corpo leggermente allungato. I maschi sono più massicci delle femmine. Le zampe devono essere Corte e forti, e con i piedi arrotondati. La coda è folta, a forma di piuma, e di media lunghezza, ma deve arrivare almeno alle scapole.

Mantello

Il pelo del birmano è corto sul muso, gradualmente più lungo sulle guance fino ad ottenere una completa gorgiera (cioè il pelo attorno al collo) ed è lungo su dorso e fianchi. Deve essere setoso al tatto e deve avere il sottopelo appena accennato o del tutto assente.

Guantaggio

La caratteristica peculiare dei Sacri di Birmania è il guantaggio, ossia i piedi bianchi. I guanti devono essere completamente bianchi e si dovrebbero fermare all’articolazione o alla linea di passaggio tra il piede ed il metacarpo, senza oltrepassarla. Guanti leggermente più lunghi sulle zampe posteriori possono essere tollerati.
Sulla faccia plantare dei piedi posteriori i guanti terminano a “V” rovesciata, tra la ½ e i ¾ della pianta del piede.
Speroni meno o più alti sono accettabili ma non devono superare l’articolazione.
Il guantaggio ideale è infine simmetrico, rispettivamente sulle due zampe anteriori e sulle due posteriori, e ancora meglio, su tutte e quattro le zampe.
La difficoltà nell'ottenere un guantaggio perfetto sta nel fatto che nella riproduzione, la distribuzione del bianco è casuale, perciò genitori guantati alla perfezione non è detto che facciano figli con un corretto guantaggio e viceversa.

Colore

I birmani sono gatti colorpoint. Vale a dire che mostrano il colore solo sui 'point', cioè le estremità. I ‘point’ includono muso, orecchie, zampe , coda e genitali.
Il colore deve essere uniforme e ben contrastato rispetto al resto del mantello. Il corpo e il ventre infatti sono di un leggero color “guscio d’uovo”, mentre il dorso è di un beige dorato. A seconda del colore dei point, il corpo sarà più o meno scuro.
Quando nascono i birmani sono tutti bianchi, e solo successivamente, si scuriscono. La temperatura influisce suoi toni dei colori dei point.

Difetti

Il mantello non deve presentare macchie bianche o colorate sul petto e ventre. Non devono inoltre essere presente macchie bianche sui point, genitali inclusi. nè macchiè colorate nel guantaggio. Le macchie bianche sulle parti colorate, sono chiamate '''gocce di latte''

Il naso non deve presentare depigmentazione.

Nel guantaggio, il bianco non si deve estendere oltre i limiti consentiti, sul davanti o sul dietro delle zampe, sia anteriori che posteriori. Questo difetto è chiamato “runner". Anche l'assenza degli “V'', cioè gli speroni bianchi nelle zampe posteriori, è considerata un difetto.

TIPOLOGIA DEL SACRO DI BIRMANIA

In base allo standard, i birmani si dividono in 3 tipologie: COMPAGNIA, RIPRODUZIONE, ESPOSIZIONE.

COMPAGNIA

Il gatto presenta dei difetti di standard che si possono trasmettere ai figli, per questo motivo non si devono riprodurre. Un allevatore serio cederà inoltre da compagnia anche quei gatti che pur non avendo difetti in senso stresso, hanno delle caratteristiche che lo allontano da quello che è lo standard ideale.
La maggior parte dei privati non è interessato alle esposizioni o alla riproduzione, perciò capita che anche esemplari perfetti vengano ceduti come gatti da compagnia, con l'obbligo di sterilizzazione.

RIPRODUZIONE

Il gatto ha delle leggere imperfezioni, che gli precludono la carriera espositiva, ma che accoppiate con un altro esemplare con caratteristiche complementari, gli permettono di portare avanti la selezione della razza.
COme abbiamo visto, il guantaggio è una della caratterstiche indispensabili per partecipare alle esposizioni, ma nella riproduzione, la quantità di bianco si trasmette casualmente. Per questo motivo gatti con un guantaggio leggermente scorretto, sono comunque ottimi riproduttori.

ESPOSIZIONE

Il gatto non presenta difetti che gli precludono la partecipazione alle esposizioni. A volte, per scelta degli allevatori, o degli acquirenti, gatti da esposizione vengono ceduti da compagnia, e vengono quindi sterilizzati. In questo caso potranno comunque partecipare alle esposizioni, partecipando in un'apposita categoria, quella dei gatti sterilizzati.

--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.--.-

In questa pagina potrete trovare un interessante documentario sul sacro di birmania